Turchia, la crociata di Erdogan nella finanza: si auto-nomina a capo del Fondo da 200 miliardi

da Repubblica.it > Economia — 16 settembre 2018 alle 15:20

Il presidente di Ankara sempre più in guerra con la Banca centrale che ha alzato i tassi. Intanto ha firmato un decreto che lo pone al vertice del veicolo sovrano creato dopo il Golpe fallito per custodire le partecipazioni di Stato. Con lui il fedelissimo genero, superministro…

Continua »

Redazione Repubblica.it

Scrivi un commento